Viaggio alla scoperta della Cucina di Montagna

La nuova guida di Slow Food accompagna il lettore attraverso paesaggi unici e cibi da scoprire, in un percorso affascinante lungo le montagne italiane, dalle Alpi all’Etna.

135

L’Italia non sarebbe così bella ed interessante, se la sua geomorfologia fosse stata differente, se alte vette non avessero segnato confini e protetto borghi, se i fiumi che scendono a valle non avessero reso così fertili certe terre, se i microclimi delle alte valli nascoste non avessero influenzato coltivazioni, allevamenti e altre attività produttive e turistiche.

 

Il fascino delle montagne italiane

Eppure le nostre montagne da decenni sono territori trascurati e da molto tempo si assiste al loro abbandono produttivo e allo spopolamento umano, così da perdere il controllo salvifico di importanti territori ed ecosistemi, ma anche la scomparsa di una civiltà fatta di antiche tradizioni ed autentici sapori.

Pur col dispiacere per l’abbandono, la montagna continua a sprigionare fascino ed attrazione, a proporre cibi eccellenti e tramandare modi di produrre e cucinare, a diffondere un modello di benessere e socialità.

Questo e altro racconta “La Cucina di Montagna” di Slow Food Editore: un ricco ricettario, ma anche un tributo affettivo a un ambiente ampio e naturale. Un percorso che si snoda dal Carso percorrendo tutto lo “scheletro”, che prima avvolge la Pianura Padana e poi scende fino in Calabria, per punteggiare infine anche Sicilia e Sardegna.

Tanti prodotti, storie e luoghi, ma soprattutto 240 ricette tradizionali che sanno evocare sapori e profumi della memoria. Un itinerario, tra uomo e natura, da percorrere dai frutti selvatici alla selvaggina, dai funghi alle castagne, fino ai formaggi e i salumi, che racchiudono tutta la sapienza e abilità dei mastri artigiani, accumulata nel corso dei secoli.

Alla scoperta di piatti e luoghi nascosti

Questo grande tesoro italiano viene raccontato con precisione e affetto nella speranza che questo libro accenda nel lettore il desiderio di partire, di visitare e di scoprire piatti e luoghi indimenticabili. Sono sicuro che lo stesso senso di benessere della scoperta sul campo vi accompagnerà quando ripeterete a casa le ricette tradizionali di valli lontane, quando andrete a cercare quel particolare formaggio o salume che avrete trovato nella guida.

“La Cucina di Montagna” vuole farci conoscere meglio e amare le nostre montagne, perché in fondo… la cucina è amore. Buon cammino, quindi, lungo i sentieri d’Italia e… buon appetito!

www.slowfoodeditore.it