Le pingui figure di Botero in mostra a Bologna

Le sale di Palazzo Pallavicini, nel centro di Bologna,  ospitano fino al 26 gennaio 2020 cinquanta opere uniche del maestro Fernando Botero, icona dell’arte contemporanea sudamericana.

21

Le suggestive sale di Palazzo Pallavicini in via San Felice 24 a Bologna ospitano fino al 26 gennaio 2020 un’importante esposizione dedicata all’artista colombiano Fernando Botero.

Il corpus della mostra

La mostra a cura di Francesca Bogliolo in collaborazione con l’artista, è costituita da 50 opere uniche, mai viste prima nel capoluogo emiliano, comprendenti una serie di disegni realizzati a tecnica mista e un pregiato insieme di acquerelli a colori su tela.

L’esposizione, articolata in sette sezioni, rispetta i temi cari all’artista e pone la sua attenzione all’occhio poetico che questi è capace di posare sul mondo, regalando una bellezza fatta di volumi abbondanti, colori avvolgenti e iconografie originali. Un visionario inno all’esistenza che approfondisce il disegno inteso come fondamento della forma, primario e imprescindibile strumento di bellezza.

La varietà dei soggetti

Tra i soggetti selezionati compaiono personaggi legati alla tauromachia e al circo, silenti ed equilibrate nature morte, delicati nudi, personalità religiose, individui colti nella propria quotidianità: una rassegna visiva che tiene conto dell’intensa ricerca visiva di Botero, tesa all’affermazione del suo caratteristico linguaggio.

Libertà creativa e monumentalità rappresentano il fil rouge dell’esposizione, il cui allestimento è stato progettato con l’Accademia di Belle Arti di Bologna diretta dal prof. Enrico Fornaroli e realizzato in collaborazione con il Biennio specialistico in Scenografia e allestimenti degli spazi espositivi e museali.

Il personalissimo stile di Fernando

Nato nel 1932 a Medellin in Colombia, Fernando Botero è considerato l’icona dell’arte sudamericana ed è apprezzato in tutto il mondo per il suo personalissimo stile con cui trasforma ogni aspetto della realtà, aumentando “le qualità fisiche” delle figure e esaltando la pienezza delle forme.

Inizia a dipingere da adolescente, ispirandosi all’arte coloniale precolombiana e spagnola. Viaggia per l’Europa e giunto in Italia si reca ad Arezzo per vedere Piero della Francesca, poi a Ravenna e a Venezia. Nel 1960 si trasferisce a New York e trascorre gli anni successivi anche tra la Colombia e l’Europa. Nel 1973 si trasferisce a Parigi, realizza a Bogotà la sua prima grande antologica e inizia a lavorare alle sue celebri sculture. E’ protagonista di importanti mostre in Europa, Stati Uniti, Giappone, Russia. A partire dagli anni ottanta il boterismo si afferma a livello internazionale e l’artista diventa un personaggio chiave del panorama artistico contemporaneo.

Palazzo Pallavicini, dimora regale

Edificato nel XV secolo e appartenuto a diverse famiglie nobiliari, il palazzo si sviluppa su una superficie di circa 2000 mq. Ornato da incredibili affreschi e splendidi stucchi, fu ristrutturato nel 1680 e presenta uno scalone monumentale d’ingresso perfettamente conservato.

Il palazzo è stato un’importante corte europea e la dimora del conte Gian Luca Pallavicini, condottiero e ministro di Carlo VI d’Asburgo e di sua figlia, l’imperatrice Maria Teresa d’Austria, madre di Maria Antonietta. Nella Sala della Musica, il 26 Marzo del 1770, si esibì un giovanissimo Wolfgang Amadeus Mozart.

 

 

 

www.palazzopallavicini.com