Chiusura col botto per lo Sparkling Menù 2019

Una brigata superstellata, con Enrico Bartolini e Mauro Eli, è stata protagonista a Villa Franciacorta di Monticelli Brusati (BS) della conclusione della 13° edizione della prestigiosa kermesse enogastronomica.

259

La finale di Sparkling Menù Villa Franciacorta si è svolta, ancora una volta, all’insegna dell’eccellenza nella splendida cornice di Monticelli Brusati (BS). Tutti i ristoranti visitati nel corso della competizione hanno infatti rivelato grande professionalità nel saper creare, cucinare e servire piatti d’autore, perfettamente abbinati alle bollicine millesimate di Villa Franciacorta.

La avvincente sfida di Sparkling Menù ha indicato, per questa edizione, due vincitori assoluti ex aequo, i cui piatti sono risultati coerenti con gli abbinamenti proposti:

Villa Goetzen (www.villagoetzen.it) di Dolo (VE) con gli chef Paolo e Massimiliano Minchio, che hanno presentato la Zuppa di Pesce del paron Paolo;

Bora da Besa (www.boradabesa.com) di Lugano (CH) con lo chef Mauricio Acosta che ha presentato Asado de Ternera con Chimichurri.

I due piatti erano abbinati abbinati a queste due etichette di Villa Franciacorta:

Diamant Franciacorta Pas Dosé Millesimato 2013     

Cuvette Franciacorta Brut Millesimato 2012.

Un gala dinner indimenticabile

Per la serata, i patron di Villa Franciacorta, Roberta Bianchi, Alessandro Bianchi e Paolo Pizziol, hanno regalato a vincitori e ospiti un’esperienza unica con un gala dinner che ha visto i piatti premiati combinati con le creazioni gourmet di Enrico Bartolini, due stelle Michelin al Bartolini Mudec di Milano, e Mauro Elli, una stella al Cantuccio di Albavilla (CO).

 

Gli abbinamenti con le bolle di Villa Franciacorta

La cena è stata poi ulteriormente impreziosita dagli eccellenti abbinamenti con i prodotti di Villa Franciacorta, che dal 2002, con Sparkling Menù, è al fianco dei cuochi e sommellier più qualificati per stimolare creazioni culinarie che possono contare sullo stile e il gusto di etichette uniche.

Si tratta di una formula vincente, che ha saputo unire concretamente il mondo del food a quello del vino, superando le vecchie e rigide concezioni dell’abbinamento, rinnovandole in nome di valori condivisi: “Riavvicinarsi alla cultura della stagionalità dei prodotti e della conoscenza dei metodi di produzione– ha spiegato Roberta Bianchi – per apprezzare quali sforzi e quanto amore si nascondano nel cibo che mangiamo e nel vino che beviamo: questo è il primo obiettivo di Sparkling Menù Villa Franciacorta”.

Dalla Vigna alla Cantina con il Cuore

Villa Franciacorta produce da sempre i suoi vini (300.000 bottiglie annue) esclusivamente con le uve provenienti dai 37 ettari vitati di proprietà e commercializza unicamente Franciacorta millesimati, esaltando in questo modo le peculiarità dei propri terreni e delle diverse vendemmie.

All’interno di un antico borgo, ai piedi del Colle Madonna delle Rosa, a pochi chilometri dal lago d’Iseo, si trovano le cantine perfettamente interrate, culla ideale per i vini che riposano per molti anni in  attesa del momento ideale per la sboccatura.

Oggi nelle gallerie della cantina riposano oltre un milione di bottiglie di Franciacorta Docg nelle migliori condizioni di isotermia, dovuta alla naturale temperatura del sottosuolo, che impedisce sbalzi termici e conserva in un “religioso” silenzio e nella quasi totale oscurità le bottiglie disposte prima in catasta e successivamente in pupitre, per essere rigirate a mano, secondo l’antica tradizione del remuage.

 

La mia selezione di Villa Franciacorta

 Mon Saten Brut Franciacorta Millesimato

100% Chardonnay con vinificazione in acciaio e minimo 36 mesi di affinamento sui lieviti. Mon Saten è vellutato e sensuale. Accarezza il palato con fini e persistenti bollicine, che esaltano l’infinita morbidezza e l’elegante struttura. Finale piacevole e persistente. Ben si addice all’abbinamento con pesci cotti al vapore e primi piatti delicati di pesce o verdure. Ottimo anche come aperitivo.

Diamant Pas Dosé Franciacorta Millesimato

85% Chardonnay, 15% Pinot Nero, con affinamento parziale in barrique per 6 mesi e successivi 60 mesi sui lieviti. Puro e audace, nella sua essenza rappresenta la massima espressione del territorio da cui proviene: grande struttura, fragranza, complessità aromatica e nerbo. Splendido accompagnatore di molti piatti, insuperabile con le ostriche.

Cuvette Brut Franciacorta Millesimato

85% Chardonnay, 15% Pinot Nero con affinamento parziale in barrique per 6 mesi e successivi 66 mesi sui lieviti. Unico e affascinante, Cuvette possiede grande struttura e notevole morbidezza. Grazie al suo accattivante carattere è indicato come Franciacorta a tutto pasto.

Selezione Brut Franciacorta Selezione

80% Chardonnay, 20% Pinot Nero con affinamento in barrique per 6 mesi e successivi 78 mesi sui lieviti.

Carattere regale, Selezione è un Franciacorta di grande raffinatezza, struttura ed eleganza. All’olfatto si sprigionano note fruttate, minerali e di lisato; al gusto si presenta intenso, complesso ed articolato. Buona struttura ed equilibrio. È il frutto solo delle migliori annate e di ben cinque anni di affinamento.

www.villafranciacorta.it

Lamberto Mazzotti