Valentino Marcattilii, una vita al San Domenico d’Imola

Il valente cuoco abruzzese rivive in un bel libro di Minerva Edizioni mezzo secolo ai fornelli di uno dei ristoranti italiani più famosi e celebrati dai buongustai di tutto il mondo.

30

Valentino Marcattilii, storico chef del ristorante San Domenico di Imola, si racconta nel volume “Il San Domenico, la mia Vita” scritto a quattro mani col giornalista bolognese Mauro Bassini per Minerva Edizioni, con un’affettuosa prefazione di Massimo Bottura.

Non è solo un libro di cucina, ma un intenso e sorprendente diario di una vita trascorsa fra locali stellati in mezzo mondo, clienti indimenticabili, soddisfazioni, delusioni, trionfi e rinunce.

 

Le confessioni dello chef

Tra divertenti ricordi e qualche momento davvero drammatico, Valentino si confessa con quella straordinaria carica di umanità e genuinità che non ha mai perduto.

È la storia di un ragazzino abruzzese che sognava di fare il calciatore e che invece, quasi per caso, si ritrova accanto a un grande sognatore come Gianluigi Morini e a un fuoriclasse dell’alta cucina (Nino Bergese, geniale chef di Casa Savoia) che farà di lui un cuoco di fama internazionale.

 

“Quando decidi di partire per andare a lavorare per un breve periodo all’estero, sei l’infelice più felice del mondo – ricorda Valentino Marcattilii – Ti secca lasciare la tua cuccia, gli amici, il ristorante che ti fa sudare, ma ti sta dando una soddisfazione dopo l’altra. Però ti rendi anche conto che è essenziale aprirti la testa e gli orizzonti, capire le tecniche e le idee dei grandi maestri dell’alta cucina internazionale.”

È anche una storia di amicizie vere o tradite, e di un amore dai percorsi tortuosi e imprevedibili.

 

I mille ricordi di Valentino

“Non immaginavo quanto sarebbero state piacevoli le lunghe chiacchierate con Valentino e le sue pagine di ricordi – sottolinea il co-autore Mauro Bassini – Di Ugo Tognazzi, Enzo Ferrari, Naomi Campbell, Luciano Pavarotti, Fiorello e tanti altri, Valentino ricorda e racconta cose divertenti, mai banali. Momenti esilaranti o drammatici, grandi esperienze di cucina, incontri emozionanti, piccole confessioni, schiaffi e carezze di una vita complicata. La vita non proprio normale di una persona speciale.”

Splendide foto del presente e del passato documentano momenti toccanti, personaggi emozionanti, raffinati dettagli di quel magnifico palcoscenico di eleganza che da 50 anni si chiama ristorante San Domenico.

 

Le parole di Massimo Bottura

Per usare le parole di Massimo Bottura, che ha curato la prefazione del libro “Il ristorante è una casa che nel corso degli anni, è stata rinnovata negli arredi e nella gestione della formidabile cantina, sempre in linea col proprio passato, ma con gli occhi aperti alla coerenza del contemporaneo. Da qui gli innesti di diversi giovani su cui si è bene investito, ma anche la nascita di amicizie e collaborazioni nuove e importanti.”

I due autori

Mauro Bassini è un giornalista bolognese. Ha lavorato in radio e televisioni private e poi per 35 anni al “Resto del Carlino”, iniziando come cronista e concludendo la sua esperienza come vicedirettore del “Quotidiano Nazionale”.

Valentino Marcattilii, formatosi sotto la scuola di Nino Bergese, oggi è executive chef e comproprietario del ristorante, due stelle Michelin, San Domenico di Imola (BO).

 

 

Il San Domenico, la mia Vita

Minerva Edizioni

Formato 17 x 24 cm

Pagine 256 – 20€

Lamberto Mazzotti

Nato a Russi di Romagna, Lamberto Mazzotti ha sempre nutrito una grande passione per la comunicazione, che ha messo in pratica in 40 anni di giornalismo attivo al Centro Stampa di Bologna.
Specialista d’informazione agro-alimentare, dal 2017 Lamberto Mazzotti si occupa, come consulente ed esperto, di comunicazione e cultura del cibo per importanti soggetti imprenditoriali e redige articoli e reportage per riviste di gastronomia e turismo.
Lamberto Mazzotti