MODENA FUNGHI ENTRA IN VERDE INTESA

Il gruppo modenese è leader nella vendita degli champignon. Ora l’ingresso nel mercato vegano, vegetariano e gluten free con la nuova linea di burger.

128

Il gruppo Modena Funghi di Cavezzo (MO) è entrato nell’OP Verde Intesa con Agricola Rinaldi, azienda leader nella produzione di funghi, soprattutto champignon, con un fatturato che nel 2020 ha superato i 5 milioni di euro e una produzione annua di 15mila quintali di funghi.

Nel territorio modenese la coltivazione di funghi vanta da sempre una consolidata tradizione. L’azienda Rinaldi coltiva e vende da una cinquantina d’anni e con l’ingresso in azienda di Paolo Rinaldi ha preso vita la Modena Funghi, lanciata nel 1999 soprattutto per sviluppare la commercializzazione dell’intera produzione aziendale, in particolare nei riguardi della GDO. La crescita della domanda ha fatto crescere anche la produzione agricola con l’inserimento di nuove referenze fungine.

 

Il Gruppo Rinaldi verso la sostenibilità ambientale

A partire dal 2010, il Gruppo Rinaldi ha investito sul risparmio energetico adottando un impianto fotovoltaico che copre oltre il 65% del fabbisogno elettrico dell’azienda. Nel 2016, poi, la scelta di ampliare la gamma dell’offerta commerciale, per comprendere, oltre ai funghi freschi, anche tutta la quarta gamma. Con l’obiettivo di entrare nel settore vegetale e gluten free, è stata sviluppata una linea burger, con la realizzazione di un laboratorio alimentare, attrezzato con tecnologie all’avanguardia, in grado di fornire un prodotto di alta qualità. Per ottimizzare al massimo l’intero processo produttivo, è stato adottato l’azoto liquido come abbattitore: una volta cotto, infatti, il prodotto viene rapidamente abbattuto a -170 °C, così da ridurre al minimo l’esposizione a cariche batteriche o a muffe.

 

Dal mercato vegetariano ai millennials

Con i marchi “Mr. Burgy & Co” e “Veg…anch’io”, Modena Funghi si è aperta al mercato vegano, vegetariano e gluten free. L’arricchimento della gamma con prodotti stuzzicanti, innovativi e mono ha presupposto anche la creazione di un nuovo pack dotato di codice a barre bidimensionale o QR code in etichetta, in grado di aprire un collegamento ipertestuale col sito web dell’azienda e dialogare con la generazione dei millennials.

 

La commercializzazione dall’Italia ai paesi arabi

Il Gruppo Rinaldi attualmente lavora in Italia con i più importanti gruppi distributivi nazionali. All’estero, l’azienda modenese lavora ormai da diversi anni con la Germania e la Gran Bretagna, riuscendo a triangolare anche verso i paesi arabi, dove il fungo è assai apprezzato nella loro cultura alimentare.

 

Il Gruppo commercializza ogni anno circa 15.000 quintali di funghi a fronte di un fatturato di 5 milioni all’anno per la Modena Funghi e 1,6 milione per Agricola Rinaldi. È in costante crescita grazie all’allargamento della base clientelare. L’ortofrutta, nonostante una curva di crescita più contenuta, ha comunque registrato un picco di vendite soprattutto nel periodo iniziale della pandemia e anche oggi i numeri sembrano confermare buoni livelli di crescita.

www.modenafunghi.it