Via della Seta Bolognese, un lungo viaggio di uomini e merci

Edizioni Minerva, in collaborazione con il Gruppo Monti – Salute Più, ha prodotto un prezioso volume che testimonia il millenario rapporto del capoluogo emiliano con la produzione serica.

109

Al Museo del Patrimonio Industriale di Bologna (via della Beverara 123) si è tenuta la presentazione del volume “La Via della Seta Bolognese” a cura di Pier Luigi Bottino e Paola Foschi. L’opera è stata curata e stampata da Minerva Edizioni in collaborazione con il Gruppo Monti – Salute Più.

La seta e i canali di Bologna

Ecco un nuovo tassello della storia di Bologna, che fa luce su una caratteristica storica della città felsinea: la seta bolognese e i canali che ne permettevano la realizzazione.

Bologna, infatti, è da sempre legata alle acque: in età romana fiorirono le terme, mentre nei secoli del Medioevo, del Rinascimento e dell’Età Moderna furono i canali che muovevano le ruote idrauliche dei filatoi per la seta a riversare in città tanto benessere e notorietà.

Infatti, il velo bolognese prodotto dai filatoi idraulici e dai tessitori cittadini divenne un’eccellenza apprezzata in tutto il mondo, tanto da essere ritratto in numerose pregevoli opere d’arte.

Un viaggio millenario di uomini e merci

A questo lungo viaggio di uomini, idee e merci con protagonista la seta hanno partecipato Virginio Merola, sindaco del Comune di Bologna, Roberto Grandi, presidente di Bologna Musei, Eugenio Riccomini, storico dell’arte, Pier Luigi Bottino e Paola Foschi, autori del volume, Roberto Mugavero, Edizioni Minerva, e Antonio Monti, direttore scientifico Gruppo Monti Salute Più.

Le foto dell’articolo sono tratte dal volume “Archivi Alinari”.

 

www.minervaedizioni.com